lunedì 31 marzo 2014

La Grande Migrazione: dal blog al sito

Con grande fierezza, annunciamo la chiusura del nostro blog. Dopo quattro anni intensi e ricchi di crescita cinematografica, I Cineuforici lasciano la piattaforma blogger.

Non vi preoccupate! Non chiudiamo definitivamente i battenti, ma migriamo verso nuovi orizzonti. Insomma, per farla breve, I Cineuforici diventano un webzine cinematografico a tutti gli effetti. Presuntuosi? Forse, ma a noi piacciono le sfide.

Mi raccomando, non ci abbandonate e... continuate a seguirci!


Mattia e Stefano



Box Office 27/30 marzo 2014

  1. Capitan America: The Winter Soldier
  2. Storia di una ladra di libri
  3. Amici come noi
  4. Mr. Peabody & Sherman
  5. Non buttiamoci giù
  6. Yves Saint Laurent
  7. Lei
  8. 300 - L'alba di un impero
  9. Quando c'era Berlinguer
  10. Allacciate le cinture

giovedì 27 marzo 2014

Uscite in sala 26/27 marzo 2014

26 marzo 2014

Capitan America - The Winter Soldier (di Anthony e Joe Russo, con Chris Evans, Scarlett Johansson - distr. Walt Disney)

Dopo gli sconvolgenti eventi di New York con gli Avengers, Steve Rogers (alias Captain America ) conduce una vita tranquilla a Washington, cercando di adattarsi alla nuova realtà. Quando un collega dello S.H.I.E.L.D. viene attaccato, però, Steve viene coinvolto in una rete di intrighi che minacciano di mettere a rischio le sorti del mondo. Unisce quindi le sue forze con quelle della Vedova Nera per smascherare una cospirazione in continua espansione, respingendo killer professionisti inviati continuamente per chiudergli la bocca per sempre. Quando il reale obiettivo del perfido complotto viene rivelato, Captain America e Vedova Nera reclutano un nuovo alleato, il Falcon. Ben presto, però, si troveranno ad affrontare un formidabile nemico inaspettato: il Soldato d'Inverno.

27 marzo 2014

Storia di una ladra di libri (di Brian Percival, con Geoffrey Rush, Emily Watson - distr. 20th Century Fox)

In Germania, sullo sfondo della II Guerra Monidale, si svolgono le vicende di Liesel Meminger, una bambina vivace e coraggiosa affidata dalla madre al signor Hans Hubermann, un imbianchino buono e gentile, e a sua moglie Rosa. Turbata per la recente, tragica morte del fratellino, Liesel fatica ad adattarsi sia a casa che a scuola, dove i compagni la prendono in giro perché non sa leggere. Tuttavia, con grande determinazione e con l'aiuto del signor Hubermann, riuscirà a cambiare la sua situazione: nel corso di lunghe notti insonni, infatti, il papà adottivo le insegnerà a leggere il suo primo libro, "Il manuale del becchino", rubato al funerale del fratello, e da quel momento l'amore di Liesel per la lettura diventerà incontenibile. Testimone della feroce repressione della libertà di espressione da parte del partito nazista, la bambina, grazie anche all'amicizia con Max, un ebreo che i suoi genitori nascondono nello scantinato e che condivide con lei la passione per i libri incoraggiandola ad approfondire le sue capacità di osservazione, e con l'aiuto di Rudy, vicino e compagno di scuola che si è innamorato di lei, si trasformerà in una incallita ladruncola di libri...


Cuccioli - Il paese del vento (di Sergio Manfio - Animazione - distr. 01 Distribution)

I Cuccioli abitano a Soffio, meglio noto come il Paese del Vento: un piccolo paese dove tutto, ma proprio tutto, funziona grazie all'energia eolica.







Quando c'era Berlinguer (di Walter Veltroni, Documentario - distr. Bim)

Cine-racconto di una delle figure politiche italiane più amate - l'unico leader comunista dell'Occidente che riuscì a far votare il suo partito da un cittadino su tre: Enrico Berlinguer.







In grazia di Dio (di Edoardo Winspeare, con Celeste Casciaro, Laura Licchetta - distr. Good Films)

Quattro donne di una stessa famiglia in un piccolo paese del basso Salento ai nostri tempi di epocale crisi economica. Il fallimento dell'impresa familiare e il pignoramento della casa sembra distruggere tutto, anche i legami di affetto. L'unico modo per uscirne è trasferirsi in campagna, lavorare la terra e vivere con il baratto dei loro prodotti. Sarà proprio questa scelta obbligata l'inizio di una catarsi che porterà le protagoniste a riconsiderare il loro stile di vita e soprattutto le loro relazioni affettive.


Yves Saint Laurent (di Jalil Lespert, con Pierre Nineym Guillaume Gallienne - distr. Lucky Red)

Parigi, 1957. A soli 21 anni, Yves Saint Laurent è chiamato a prendere le redini della prestigiosa casa di moda fondata da Christian Dior, recentemente scomparso. Durante la sua prima, trionfale sfilata, Yves conosce Pierre Bergé, un incontro che cambierà la sua vita. Amanti e partner commerciali, i due uomini uniscono le loro forze e dopo tre anni creano la firma 'Yves Saint Laurent'. Nonostante le proprie ossessioni e i suoi demoni privati, Yves Saint Laurent è in procinto di rivoluzionare il mondo della moda grazie al suo approccio moderno e iconoclasta.


I fratelli Karamazov (di Peter Zelenka, con Adrianna Miara, Lena Krobotova - distr. Indipendente)

Polonia. In una calda giornata estiva un gruppo di persone viaggia verso un'acciaieria abbandonata: sono attori di un teatro di Praga, giunti per provare uno spettacolo che si terrà il giorno successivo. Alcuni operai sono ancora al lavoro, le uniche creature viventi rimaste. In un primo momento prestano poca attenzione agli attori, preoccupati per una tragedia accaduta il giorno prima: il figlio di un manovale è caduto da una passerella e si è rotto la spina dorsale. Il loro interesse è tutto rivolto nel suo destino. Tra i resti di vecchi macchinari e vecchie cianfrusaglie, le prove hanno inizio: si tratta di un adattamento de "I fratelli Karamazov" di Fëdor Dostoevskij. Per tutto il tempo il mondo reale degli operai rimane ai margini della performance, finché gli echi della tragedia che stanno vivendo risuonano all'interno della rappresentazione...


La Luna su Torino (di Davide Ferrario, con Walter Leonardi, Manuela Parodi - distr. Academy Two)

Il quarantenne Ugo vive a Torino in una splendida villa in collina. L'uomo non ha mai dovuto preoccuparsi di guadagnarsi da vivere, poiché alla morte dei suoi genitori, ricchi borghesi di sinistra, ha ricevuto una cospicua eredità. Tuttavia, quando il lascito ha cominciato a ridursi sensibilmente, Ugo ha deciso di subaffittare parte della villa a Maria, 26enne impiegata di un'agenzia di viaggi, e a Dario, ventenne studente di lettere che si mantiene lavorando allo Zoom, un singolare bioparco. La loro convivenza scorre tra momenti di convivio e solitudine, fino a quando l'ipoteca che pende sulla casa sta per scadere spingerà ognuno dei tre verso il proprio destino...


Fuoristrada (di Elisa Amoruso, con Giuseppe Della Pelle, Marioara Dadiloveanu - distr. Cinecittà Luce)

Pino/Beatrice è un meccanico, campione di rally, transessuale. Nel suo percorso di trasformazione, incontra Marianna, una donna rumena che fa da badante a sua madre, se ne innamora e decide di sposarla. 







(cinematografo.it)

lunedì 24 marzo 2014

Box Office 20/23 marzo 2014

  1. Amici come noi
  2. Mr. Peabody & Sherman
  3. 300 - L'alba di un impero
  4. Allacciate le cinture
  5. Non buttiamoci giù
  6. Lei
  7. Need for Speed
  8. 47 Ronin
  9. La Bella e la Bestia
  10. Il ricatto

giovedì 20 marzo 2014

Uscite in sala 20 marzo 2014

20 marzo 2014

Amici come noi (di Enrico Lando, con Pio D'Antini, Amedeo Grieco - distr. Medusa)

Pio e Amedeo sono due cari amici di Foggia, soci in affari - hanno un'impresa di pompe funebri - e uniti dalla passione per il calcio. Alla vigilia del suo matrimonio con Rosa, Pio scopre un video piccante che gira sul web e che vede protagonista proprio la sua futura moglie. Distrutto, Pio si lascia convincere così da Amedeo ad andare via da Foggia e intraprendere un viaggi on the road che li porterà dalle feste sfarzose della Roma bene, a casa dell'eccentrico zio di Amedeo, alla modaiola Milano con la sfavillante vita dei calciatori, tra una cena da Giannino e una capatina nelle discoteche dei Vip. In realtà, tutta l'avventura è nata da una macchinazione messa in atto da Amedeo, che gioca a calco con il Real Zapponeta ma sogna di giocare nel grande Milan, per coronare il proprio sogno di fare un provino per la squadra rossonera...


Noi 4 (di Francesco Bruni, con Ksenia Rappoport, Fabrizio Gifuni - distr. 01 Distribution)

Il 13 giugno 2013 Giacomo, il figlio più piccolo di Ettore e Lara, deve affrontare gli orali degli esami di terza media. I suoi genitori sono separati da anni, ma le relazioni tra i vari componenti della famiglia (compresa la ventenne primogenita Emma) non sono affatto serene. Il fatto di doversi trovare tutti insieme nell'arco di una giornata manda la famiglia in fibrillazione; si scatena una serie di eventi nei quali di volta in volta i quattro entrano in contatto tra di loro, si amano e odiano, creando e sciogliendo alleanze e ostilità sempre diverse. È come se, smarriti nelle loro incomprensioni e nostalgie, in fondo cercassero di ritrovare l'unità familiare perduta. In più, nello stesso giorno, ognuno di loro dovrà affrontare una propria sfida personale.


Non buttiamoci giù (di Pascal Chaumeil, con Pierce Brosnan, Toni Collette - distr. Nomad Film)

Nella notte di San Silvestro, quattro sconosciuti si incontrano sulla cima di un palazzo di Londra, noto come la Casa dei Suicidi, con l'intenzione comune di togliersi la vita. Quattro generazioni, quattro universi differenti e quattro diverse ragioni per farla finita. Martin Sharp, è un conduttore di talk show che ha distrutto la sua vita; Maureen è una casalinga sull'orlo del collasso dopo essersi presa cura per anni del figlio gravemente disabile; JJ è un musicista rock fallito; Jess, il più giovane di tutti loro è un ribelle innamorato. Nel corso di una notte tumultuosa, ognuno dei quattro racconterà la propria storia di vita e sventure finendo per stipulare un patto: non uccidersi prima di San Valentino e tentare, nelle successive sei settimane, di rimettere a posto le rispettive esistenze..


Il ricatto (di Eugenio Mira, con John Cusack, Elijah Wood - distr. M2 Pictures)

Tom Selznik, un giovane e talentuoso pianista che però soffre di panico da palcoscenico, torna a esibirsi di fronte al pubblico dopo una lunga pausa. Poco prima della sua esibizione, però, l'uomo scopre una terrificante nota scritta sul suo spartito: se vuole salvare la sua vita e quella di sua moglie, dovrà tenere il miglior concerto della sua carriera e cercare, nel frattempo, di smascherare il cecchino che gli dà istruzioni attraverso un auricolare...




Jimmy P. (di Arnaud Desplechin, con Benicio Del Toro, Mathieu Amalric - distr. Bim)

Jimmy Picard è un amerindio appartenente alla tribù dei Piedi neri che, di ritorno dalla Seconda Guerra Mondiale, si ritrova colpito da una sorta di malattia psicosomatica. Ricoverato al Winter Veteran Hospital di Topeka, in Kansas, incontrerà l'etnologo e psicanalista George Devereux, che oltre a studiarne il caso diventerà suo caro amico.




Presto sarà giorno (di Giuseppe Ferlito, con Ami Codovini, Valerio Morigi - distr. Settima Entertainment)

Tre personaggi con le loro fragilità e insicurezze rincorrono il bisogno di affermare la propria identità.
Tenteranno di uscire dall'ombra e dalla solitudine interiore, affidandosi ad effimeri sogni e illusorie conferme.
Sono i sentimenti a fare intrecciare le loro vite ma le diverse scelte e la diversa crescita individuale li spingeranno verso strade differenti.








L'impostore (di Bart Layton, con Frédéric Bourdin, Carey Gibson - distr. Feltrinelli Real Cinema)

Partendo dalla scomparsa del tredicenne texano Nicholas Barclay, il documentario racconta la storia di una famiglia che contro ogni apparenza ha un bisogno disperato di credere al ritorno del proprio figlio, e quella di un ladro solitario, ricercato dalle polizie di tutta Europa.





(cinematografo.it)

martedì 18 marzo 2014

Centriamo Wes Anderson

Un altro simpatico video sull' estetica monomaniacale di Wes Anderson (quanto l'autore di questo post):


Wes Anderson // Centered from kogonada on Vimeo.


MG

Box Office 13/16 marzo 2014

  1. 300 - L'alba di un impero
  2. Allacciate le cinture
  3. Mr. Peabody & Sherman
  4. Need for Speed
  5. 47 Ronin
  6. Lei
  7. La Bella e la Bestia
  8. Supercondriaco - Ridere fa bene alla salute
  9. 12 anni schiavo
  10. Maldamore

giovedì 13 marzo 2014

Spike Jonze: Her

HER

(Usa 2013, 120 min., col., sentimentale)

Spike Jonze flirta con lo scibile, accarezza le pareti del possibile e, molto spesso, si diletta a varcare la soglia della realtà. A varcare, si è detto, non a oltrepassarla. La sua nuova pellicola, Her, s’insinua magistralmente in questa soglia.

Theodore (Joaquin Phoenix) viene da una profonda depressione, dovuta all’incapacità di realizzare l’effettiva separazione dalla moglie Catherine (Rooney Mara). Fra il silenzio delle sue giornate e l’occupazione lavorativa (scrive lettere personalizzate per terzi), Theodore non riesce ad avere una vita sociale. Tutto sembra cambiare quando fa conoscenza della voce nel suo nuovo sistema operativo, Samantha (Scarlett Johansson)…

Raggiungere l’impossibile, senza essere disarcionato dalla realtà. Queste parole sintetizzerebbero appieno il cinema di Spike Jonze e la condizione del suo spettatore tipo. Frammenti di vita s’intersecano con frammenti irreali, brandelli di realtà quotidiana abbracciano brandelli di un mondo simile al nostro. Non si è di fronte all’onirico o all’immaginativo come in Gondry, ma piuttosto alla logica (Essere John Malkovich e Il ladro di orchidee) e all’irrazionale (Nel paese delle creature selvagge) o, ancora e nel caso di Her, alla “fantascienza presente”. Si tratta di una fantascienza non così “futura” da disarcionare lo spettatore dalla quotidianità, bensì di una fantascienza prossima alla nostra realtà, una “fantascienza sociale”.

Sì. L’ultimo film di Jonze è sociale, volto ad analizzare una contemporaneità perduta fra realtà virtuale e realtà vitale, dove i rapporti umani sono più fragili e quelli informatici più saldi. Non ci sono, inoltre, lezioni morali, patetismi o pedanterie in Her. Il regista non vuole ammonirci con finti presagi catastrofici o accusarci d’incapacità relazionale. La crisi della comunicazione è una crisi senza pari nella storia dell’uomo, ma – come sottolinea accuratamente Jonze – non si è di fronte a una situazione di sottrazione, una crisi per mancanza. La comunicazione umana, oggi come oggi, non è, infatti, annullata (all’uomo non è privato il dialogo), bensì sostituita con altro: l’informatica.

È da questa considerazione che bisogna partire per analizzare il progetto di Jonze. Il regista, dunque, costata la situazione nella quale si vive (e nella quale si vivrà ancora a lungo), per cogliere ancora qualche frammento di umanità: il sentimento. Tutta la storia verte su questa domanda: “È ancora possibile una vera storia d’amore, fatta di comunicazione, ascolto e dialogo, in un’era in cui facebook, twitter e chi più ne ha più ne metta, sostituisce la relazione fisica a una relazione virtuale?”. È qui che ritorna il concetto della “soglia della realtà”. La condizione espressa in Her, non è quella attuale, ma potrebbe essere la prossima, la successiva a quella attuale. Non è ancora realtà, ma è quella più vicina a essa.

La luce è quella dei led che sopravanza quella solare: poca, effimera e abbagliante (meravigliosa la fotografia). L’interpretazione di Joaquin Phoenix è, ancora una volta, magistrale. L’attore è in grado di rappresentare allo schermo un sentimento difficile, come quello della melanconia, con una mimica e una fisicità che lo rende unico nel suo genere (uno dei migliori caratteristi sul mercato). La voce di Scarlett Johansson (certamente non da Oscar…) è soave e seducente, sincera e, per lunghi tratti, “umana”. Questa sinfonia di parole, di dialoghi e d’incomprensioni, di malintesi, di litigi e di euforie (ottima la sceneggiatura dello stesso Jonze) è accompagnata dalle musiche appropriate degli Arcade Fire (un’abitudine per Jonze) e di Karen O.


Mattia Giannone

mercoledì 12 marzo 2014

Uscite in sala 13 marzo 2014

13 marzo 2014

Mr. Peabody e Sherman (di Rob Minkoff Animazione - distr. 20th Century Fox)

Mr. Peabody è un maniaco del lavoro. Inventore, scienziato, premio Nobel, buongustaio, vincitore di due medaglie olimpiche; insomma: un genio sebbene sia un cane... 






Need for Speed (di Scott Waugh, con Aaron Paul, Chillie Mo - distr. 01 Distribution)

Tobey Marshall è un onesto meccanico che gestisce l'officina di famiglia e partecipa alle corse clandestine con gli amici nei weekend. Incastrato per un crimine che non ha commesso, Tobey finisce in prigione e nei due anni di reclusione inizia a meditare la sua vendetta. Una volta fuori, infatti, metterà in discussione tutto quello in cui ha sempre creduto pur di distruggere i suoi nemici...




Supercondriaco - Ridere fa bene alla salute (di Dany Boon, con Dany Boon, Kad Merad - distr. Eagle
Pictures)

Romain Faubert, fotografo per un dizionario medico online, si sta avvicinando ai 40 anni da solo, senza moglie né figli. Affetto da un'acuta ipocondria che lo ha ridotto a un fascio di paure e nevrosi, non è certo aiutato dalla sua professione. Internet, infatti, scatena la sua ricerca compulsiva di informazioni su piccoli dolori e patologie finendo inevitabilmente per indirizzarlo verso malattie terminali tutt'altro che utili a placare le sue fobie per germi e malanni. L'unico amico di Romain è il dottor Dimitri Zvenka, che dal loro primo incontro ha fatto l'errore di affezionarglisi ma che ormai, con i suoi problemi psicosomatici e la sua invadenza, è diventato solo una fonte inesauribile di guai. Romain, infatti, spesso si autoinvita a dormire a casa di Dimitri, cosa che infastidisce molto la moglie del medico. Per riuscire a toglierselo di torno una volta per tutte, il dottor Zvenka escogita un rimedio: aiutarlo a trovare una donna. Inizia così a invitare Romain alle feste, lo iscrive sui siti di incontri online, lo fa rimettere in forma e gli insegna tecniche di seduzione. Tuttavia, la sfida si rivela molto più ardua del previsto e trovare qualcuno in grado di tollerare le idiosincrasie di Romain e che, per amore, lo aiuti a superare la sua ipocondria risulta essere veramente difficile...


Lei (di Spike Jonze, con Joaquin Phoenix, Amy Adams - distr. Bim)

Los Angeles, in un futuro non troppo lontano. Theodore è un uomo sensibile e complesso che si guadagna da vivere scrivendo lettere personali e toccanti per conto di altri. Depresso per la fine del suo matrimonio, Theodore scopre la possibilità di una nuova relazione amorosa grazie all'"incontro" con Samantha, un nuovo e sofisticato sistema operativo progettato per soddisfare ogni sua esigenza e che promette di essere uno strumento unico, intuitivo e ad altissime prestazioni. Sofisticatissimo esempio di intelligenza artificiale, Samantha è affettuosa e empatica e ben presto rivela anche una certa indipendenza di giudizio, uno spiccato senso dell'umorismo, la capacità di andare al nocciolo dei problemi e una gamma sempre più complessa di emozioni. Dal momento in cui inizia a esistere, Samantha progredisce rapidamente, di pari passo col suo rapporto con Theodore. Da sua assistente, si trasformerà gradualmente in amica fidata, confidente e - alla fine - in qualcosa di molto più profondo...


47 Ronin (di Carl Rinsch, con Keanu Reeves, Hiroyuki Sanada - distr. Universal Pictures)

Giappone, XVIII secolo. Kai, un guerriero metà inglese e metà giapponese, rispettando i valori di lealtà e onore degli antichi guerrieri Ronin, si unirà a Oishi e al suo gruppo di allievi samurai per vendicare la morte del loro maestro, ucciso da un Signore tiranno. I 47 Ronin, banditi dal despota, per restituire l'onore al loro feudo si troveranno così ad affrontare una serie di dure prove per distruggere gli ordinari guerrieri...



Politicamente scorretto  (di Alex Gibney, Documentario - distr. I Wonder Pictures)

Biografia di una delle personalità più controverse e interessanti del panorama culturale statunitense: Hunter Thompson, scrittore e fondatore dell' audace e irriverente 'Gonzo Journalism'.







Maldamore (di Angelo Longoni, con Ambra Angiolini, Alessio Boni - distr. Bolero Film)

La vita di un'intera famiglia viene sconvolta da un banale incidente: un interfono per bambini viene lasciato acceso per sbaglio, mentre nella stanza due persone si scambiano segreti inconfessabili ai rispettivi partner. Tutti i personaggi saranno così costretti a compiere un percorso che li modificherà radicalmente attraverso la scoperta di vicende nascoste e prendendo atto dell'esistenza di compromessi, segreti e tradimenti; per questo dovranno ricominciare la loro vita imparando a perdonare se stessi e gli altri, comprendendo che l'amore è assolutamente ingovernabile e non può essere sottoposto alle ferree regole dell'intransigenza o delle convinzioni assolute. 


Ida (di Pawel Pawlikwky, con Agata Trzebuchowska, Agata Kulesza - distr. Parthenos)

Polonia, 1962. La 18enne Anna, un orfana cresciuta in convento, ha deciso di farsi suora. Tuttavia, poco prima di prendere i voti, scopre di avere una zia ancora in vita, Wanda, la sorella di sua madre. Insieme a lei la ragazza affronterà un viaggio alla scoperta di se stessa e del proprio passato: scopre, infatti, di avere origine ebraiche e che il suo vero nome è Ida; inoltre, sua zia è un ex pubblico ministero comunista, responsabile di numerose condanne a morte nei confronti di religiosi. Mentre Anna va alla ricerca della verità sulla sua famiglia, Wanda deve confrontarsi con le decisioni prese ai tempi della guerra e che ancora la perseguitano.


Prossima fermata - Fruitvale Station (di Ryan Coogler, con Michael B. Jordan, Melonie Diaz - distr. Wider)

Oscar Grant è un ventiduenne di Bay Area, San Francisco, che la mattina del 31 dicembre 2008 si sveglia con una strana sensazione: decide così di cambiare il suo atteggiamento, provando a essere un figlio migliore per sua madre, un partner insostituibile per la sua ragazza e un padre perfetto per T, la loro figlia di quattro anni. Le cose però non vanno proprio secondo i suoi piani, soprattutto quando, alla fine della giornata, incontra la polizia alla stazione di Fruitvale...



(cinematografo.it)

lunedì 10 marzo 2014

Box Office 6/9 febbraio 2014

  1. 300 - L'alba di un impero
  2. Allacciate le cinture
  3. La Bella e la Bestia
  4. 12 anni schiavo
  5. Una donna per amica
  6. Tarzan
  7. Sotto una Buona Stella
  8. The Lego Movie
  9. La mossa del pinguino
  10. Pompei